Menu principale

Viaggiatori alla ricerca di inclusività

Chiesa di Sant’Andrea al Quirinale

La chiesa, denominata anche “perla del Barocco”, fu commissionata nel 1658 da papa Alessandro VII Chigi e dal cardinale Camillo Pamphilj; lo stemma della famiglia – una colomba che stringe nel becco un ramoscello d’ulivo – troneggia infatti sul timpano della facciata.

Una volta entrati, l’architettura di Gian Lorenzo Bernini, si presenta in tutto il suo dinamismo: la pianta a forma ovale raccoglie e insieme dilata lo spazio che culmina nell’altare centrale: qui una raggiera dorata di angeli e cherubini opera di Antonio Raggi fa da cornice al Martirio di sant’Andrea di Borgognone. Una cupola a cassettoni dorati ricongiunge in un unico colpo d’occhio le figure in stucco che sono poste alla base con la lanterna sulla sommità.

Prima di lasciare l’edificio un ultimo sguardo va alla statua monumentale di sant’Andrea apostolo di Raggi che domina l’ingresso.

Chiesa di Sant'Andrea al Quirinale, facciata

Accessibilità

Ingresso principale: scalinata

Ingresso accessibile: entrare dal civico 28, accanto all’ingresso principale della chiesa, e chiedere del sacrestano.

Pavimentazione interna: regolare



Come arrivare

Metro più vicina: Barberini (500 m circa).

Bus consigliati: linee 64, 70, 170, H, fermata Nazionale/Quattro Fontane (350 m circa).

Parcheggio: disponibilità di posti riservati per persone con disabilità su via delle Quattro Fontane.

Il consiglio di Farwill:

A pochi passi da questa chiesa si trova un’altra perla del Barocco, San Carlo alle Quattro Fontane, opera di Francesco Borromini.


Lascia un commento