Menu principale

Viaggiatori alla ricerca di inclusività

La creta al buio – Laboratorio con Felice Tagliaferri

L’arte come forma terapeutica per conoscere meglio sé stessi. Un percorso intenso, di vita prima che didattico, dove una materia duttile come la creta permette di dar forma a quello che abbiamo dentro.

28 Novembre 2022 | La redazione di farwill.it

“Quello che avete fatto in questi due giorni è la palestra, il corso inizia domani”. Con queste parole lo scultore Felice Tagliaferri ha salutato le allieve del laboratorio La creta al buio, che si è tenuto il 29 e 30 ottobre scorsi a Roma presso MaTeMù, il Centro Giovani e Scuola d’Arte del Municipio I.

Felice Tagliaferri

Tagliaferri si è formato a Bologna con Nicola Zamboni tra il 1998 e il 2000. La cecità non gli ha impedito di imparare l’arte scultorea e di metterla al servizio delle persone. Nel corso della sua carriera ha realizzato opere per alcuni dei più importanti luoghi della cultura, come i Musei Vaticani, l’Accademia di Brera, la collezione Guggenheim di Venezia, con una missione precisa: rendere il patrimonio artistico fruibile a tutti. L’episodio più noto è probabilmente quello relativo al Cristo velato, la suggestiva scultura di Giuseppe Sanmartino che si trova nella cappella Sansevero, a Napoli. Solo a un contatto diretto con l’opera si può comprendere davvero la sua straordinarietà, l’essere quasi materia vivente alla quale il sonno della morte ha preservato intatta la bellezza. Quando nel 2008 Tagliaferri è in visita alla Cappella, non gli viene data la possibilità di toccare l’opera. Da lì l’atto di denuncia: insieme a Massimo Trubbiani del Museo Tattile di Omero lo scultore studia l’opera, porzione per porzione, fino ad avere un’immagine completa. E nel giro di due anni realizza la sua versione, che chiama Cristo RiVelato, perché velato per la seconda volta e perché, finalmente, accessibile anche ai non vedenti.

Il laboratorio La creta al buio

Torniamo al racconto delle due giornate. Abbiamo contattato l’associazione culturale ed ente di formazione GRAF, che propone corsi professionali aperti a tutti, non solo a chi è del settore, chiedendo di poter seguire il laboratorio. Non ci saremmo mai aspettati di vivere un’esperienza così autentica. Non usiamo a caso questa parola perché l’approccio di Tagliaferri non è semplicemente di carattere didattico: il laboratorio è un momento di confronto prima di tutto con sé stessi, e con chi ci è accanto, di ascolto e percezione.

La creta, materia duttile, è l’elemento adatto a dar forma a quello che abbiamo dentro, quello che più o meno consciamente sentiamo il bisogno di esprimere. Anche per questo durante le esercitazioni l’unico strumento utilizzato sono le mani: non c’è intermediazione, non si hanno a disposizione utensili che metterebbero distanza tra noi e il lavoro; ogni partecipante ha dalla sua l’ingegno e la creatività che permettono di inventarsi metodi alternativi di modellare la materia (provare per credere!). In questo percorso bisogna affidarsi soprattutto al tatto che è il senso più esteso e, paradossalmente, “il meno studiato”, dice lo scultore, che chiede alle partecipanti di chiudere gli occhi. A quel punto sono le mani che vedono e sentono, passando sulla creta e individuando rughe, crepe, difformità che a volte sono poco percettibili alla vista e quindi sfuggono.

L’arte come esperienza terapeutica

Durante le esercitazioni capita di sentire frasi come “non riesco”, “ci provo”, “è troppo difficile”. Con Tagliaferri questo atteggiamento è bandito, perché la sua filosofia si applica tanto all’arte quanto alla vita: il suo essere propositivo è contagioso, e la sua ironia e schiettezza arrivano dritte alle persone.

Alla fine della prima giornata, nonostante non avessimo preso direttamente parte alle attività, siamo usciti scossi, dentro di noi si era smosso qualcosa che era lì da tempo e che chiedeva ascolto. Non sapevamo cosa sarebbe successo nella seconda giornata, che ha visto la collaborazione stretta tra le partecipanti. Alcune di loro si conoscevano già da prima, altre si stavano conoscendo, ed è incredibile che in così poco tempo si sia creato un legame

È impossibile non essere coinvolti emotivamente, ecco perché se si segue un suo laboratorio bisogna essere consapevoli che andremo a scavare dentro di noi e forse quello che tireremo fuori potrà essere anche poco piacevole, ma necessario. Non vi nascondiamo che alla fine del primo giorno, nonostante non avessimo preso direttamente parte alle attività, siamo usciti turbati, le domande che da un po’ di tempo affollavano la nostra testa hanno iniziato a frullare vorticosamente e a cercare una via d’uscita. Il secondo giorno è stato invece più disteso. C’è un clima diverso, le partecipanti hanno condiviso in parte la loro vita, alcune si conoscevano già da prima, altre si stanno conoscendo, ed è incredibile il legame che si può formare in così poco tempo. Durante la pausa pranzo ci uniamo a loro; l’atmosfera è talmente familiare che è naturale aprirci e parlare. L’arte ha un enorme potere terapeutico, permette di comunicare agli altri più di quanto noi stessi a volte siamo in grado di fare con le parole.

Ci sarebbe ancora molto da dire, certe cose però vanno vissute. Vi invitiamo a seguire uno dei prossimi laboratori di Taglieferri, di seguito vi lasciamo tutti i link di riferimento.

Per saperne di più:

Corsi e laboratori GRAF

Sito ufficiale di Felice Tagliaferri

Hashtag



Ti potrebbe interessare anche:

Musei e accessibilità: una nuova definizione

25 Novembre 2022

Approvata di recente la nuova definizione di musei che mette al centro parole come accessibilità e inclusività. I musei rispondono davvero alle esigenze delle persone?

Leggi di più

Arte e Cultura

25 Novembre 2022

Nel progetto di Farwill, l’arte ha un ruolo centrale perché uno dei nostri obiettivi è la promozione, e valorizzazione, del patrimonio culturale. Da qui l’idea di una sezione dedicata ad Arte e Cultura, in cui verrà dato spazio all’approfondimento di questi temi.

Leggi di più

La Cappella Sistina prima di Michelangelo – Gli artisti all’opera

25 Novembre 2022

Dopo la congiura dei Pazzi e la riconciliazione con Sisto IV, Lorenzo il Magnifico invia a Roma i suoi artisti prediletti – Botticelli, Ghirlandaio, Cosimo Rosselli – ad affrescare la Cappella Sistina. Qui lavoreranno insieme a Perugino, Pinturicchio e Signorelli per dar forma a un capolavoro senza tempo.

Leggi di più